fbpx

La parola Buonsenso vuol dire “Capacità naturale, istintiva, di giudicare rettamente, soprattutto in vista delle necessità pratiche.
Come immagine del post ho messo la citazione di Alessandro Manzoni, perché il grande scrittore dell’Ottocento, con poche parole, riesce a centrare il punto.

Con la sua citazione, Manzoni intende la parola “Senso Comune” come l’opinione della maggioranza che non regge contro la saggezza dei singoli. Per timore di non avere consenso, noi non riusciamo a dire la nostra opinione e preferiamo accodarci con la linea della maggioranza.

Oggi siamo nell’era del Populismo. La parola populismo vuol dire “atteggiamento ideologico che, sulla base di principi e programmi genericamente ispirati al SOCIALISMO, esalta in modo demagogico e velleitario il popolo come depositario di valori totalmente positivi.”

Tutti i partiti, più o meno, adottano il sistema populista. Perché accade? Perché siamo da troppo tempo abituati a pensare che siano i governi gli unici a risolvere i nostri problemi. Diamo per scontato che sia inevitabile che la politica si occupi di un numero enorme di decisioni. Abbiamo l’ossessione politica per le dimensioni, dimenticandoci della persona e delle sue potenzialità.

In conclusione, ritengo sia opportuno mettersi in discussione e mettere in discussione quanto viene detto dalla maggioranza è da quanto viene raccolto dai politici populisti.
Nonostante sia vero che il Buonsenso sia una cosa personale è soggettiva, vorrei dire, forse con provocazione, che noi liberali non dobbiamo temere di essere impopolari perché le nostre idee o proposte per l’Italia sono per la tutela della persona, della sua famiglia, dei suoi risparmi o guadagni, dei suoi meriti e dei suoi successi.
Quindi noi non partiamo per rendere forte lo Stato per migliorare il cittadino, ma partiamo dai comportamenti del cittadino per rendere forte lo Stato.

Diffondi il Liberalismo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Raffaele Dadone

Raffaele Dadone

Nato a Cagliari, ho 26 anni e sono laureato in Scienze Politiche e Sociali e sono iscritto al Corso di Laurea Magistrale Scienze del Governo presso l'Università degli Studi di Torino. Mi considero un Liberale di "Vecchio Stampo". Il mio impegno è per rendere maggiormente protagonisti i cittadini, sia come individui singoli sia all'interno di gruppi, valorizzando il Terzo Settore. Sono per uno Stato Minimo che si occupi esclusivamente di Giustizia, Sicurezza e Tutela dei Poveri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts

Attualità

Basta un clic! L’ignoranza in cattedra (e al governo?)

Nei giorni scorsi, l’intero mondo dell’informazione e della finanza è stato investito da una bozza di programma del governo in procinto di nascere. Il punto che più ha fatto scaldare i mercati e che li Read more…

Attualità

Il diritto di sciopero e l’ignavia della politica

Nelle scorse settimane, nell’informazione specialistica un po’ meno interessata all’isteria governativa, ha fatto molto discutere la decisione dell’Autorità di Garanzia sugli Scioperi di estendere il numero massimo di giorni, da 10 a 20, per la Read more…

Attualità

Un approccio empirico e liberale alla corruzione (2 di 2)

Clicca qui per leggere la prima parte Abbiamo già mostrato come maggiori controlli e pene più severe non solo non siano un efficace strumento di lotta alla corruzione, ma anzi vadano a detrimento della stessa. Read more…