fbpx

Di Dadone Raffaele

Nel corso degli ultimi decenni, il liberalismo in Italia ha rinunciato a giocare la sua partita contro il pensiero comunista e pensiero socialista.
La prima sfida era la sfida per la libertà politica e la seconda per la libertà economica.

Di conseguenza, i partiti o le varie correnti liberali in Italia sono andati verso l’estinzione.

Cosa fare?
✅ Bisogna avere il coraggio di tornare in campo e giocare la partita, spiegando che la giustizia sociale non si ottiene con l’intervento dello Stato, ma solo con la ricchezza e la prosperità economica.
✅ Fare opposizione al Socialismo e al Nazi-Socialismo, spiegando che usare la mano dello Stato per portare la giustizia sociale è una grande bugia.

La crisi liberale italiana può essere superata se torniamo, con forza e coraggio, a riaffermare le nostre idee tra le persone.
Ma non possiamo pretendere di tornare ad essere credibili costruendo un partito unitario con quei liberali che accettano qualsiasi compromesso con la cultura Marxista.
Non accettare compromessi con la cultura Marxista, vuol dire:
✅ NO Assistenzialismo
✅ NO Oppressione Burocratica e Fiscale
✅ NO Intervento Economico dello Stato

Non dobbiamo temere di ammettere che la politica socialista degli ultimi decenni ha provocato gravi danni economici, politici e istituzionali.
Per fare qualche esempio, la scuola di Chicago ha spesso dimostrato come la mano dello Stato sia in grado di falsare l’economia e sia di non riuscire a portare alcun risultato positivo.
Perciò, dobbiamo far sentire la nostra voce contro tutta questa realtà politica marxista che inquina e ostacola sempre di più il percorso degli italiani.

Diffondi il Liberalismo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts

Attualità

Comunisti in cerca di Rolex?

Hanno portato avanti una campagna elettorale giustizialista da separati e ora, salvo nuovi capovolgimenti, si ritroveranno insieme a governare. Due campagne apparentemente simili, ma con tante analogie. D’altronde, sono i partiti che sono riusciti a Read more…

Attualità

Basta un clic! L’ignoranza in cattedra (e al governo?)

Nei giorni scorsi, l’intero mondo dell’informazione e della finanza è stato investito da una bozza di programma del governo in procinto di nascere. Il punto che più ha fatto scaldare i mercati e che li Read more…

Attualità

Il diritto di sciopero e l’ignavia della politica

Nelle scorse settimane, nell’informazione specialistica un po’ meno interessata all’isteria governativa, ha fatto molto discutere la decisione dell’Autorità di Garanzia sugli Scioperi di estendere il numero massimo di giorni, da 10 a 20, per la Read more…