fbpx

Il libro della coppia Capezzone Punzi è un saggio dalla piacevole lettura, che analizza il tema della BREXIT ponendo il focus sulle motivazioni, sull’atteggiamento lascivo dell’Unione Europea e sulle opportunità, e le sfide, che questo evento pone all’Italia ed all’Europa.
Gli autori hanno coinvolto nella stesura del libro molti interpreti nostrani ed anglosassoni di rilievo internazionale quali: Roberto Caporale, Niall Ferguson, David Goodhart,Daniel Hannan e Sergio Vento e molti altri.
Presentato ieri, a Roma, alla presenza di Nicola Porro, del presidente di Confedilizia Giorgio Spaziani Testa, Maria Giovanna Maglie e Lorenzo Infantino oltre naturalmente agli autori ed all’editore Giubilei Regnani, in una cornice di liberalismo tatcheriano trasudante liberalismo evoluzionista da tutti i pori.

Gli autori si chiedono, come abbia potuto l’UE esser così passiva nei confronti del divorzio, senza chiedersi cosa abbia spinto la quinta economia del mondo ad abbandonare la nave. Un’autocritica sarebbe stata doverosa, ma si sa Germania e Francia, sono storicamente guidate da spirito borioso.

Dall’On. Capezzone si leva la critica agli “esperti” dell’establishment non obiettivo, ai quali imputa (come dargli torto) di aver inanellato una serie di previsioni sbagliate dall’elezione di Trump ad, appunto, la BREXIT. “Un minuto di silenzio per loro” come ha detto l’autore ieri durante la conferenza. Nel corso del libro, il deputato liberale, addita nuovamente l’establishment di aver aumentato troppo il divario con il “popolo”, di esserne completamente staccati e portatori di una verità che non è rappresentativa della realtà dei fatti.

Federico Punzi si concentra sulla questione tedesca, critica la proposta dell’Europa a due velocità di stampo tedesco, e si sofferma sul fatto che, uscito di scena l’unico interprete che poteva fare da contrappeso alla Germania, potrebbe venir meno un contraddittorio sulla strada da intraprendere.

Un testo interessante, agile nella lettura e carico di spunti interessanti fuori dal coro, l’impressione è proprio quella di leggere dei concetti e delle analisi di un qualcuno che invece di abbandonarsi al conformismo comodo e ben visto da un certo tipo di “intellettuali”, ha profuso uno sforzo notevole per riuscire a fornire una visione alternativa, ricavandone delle lezioni.

Diffondi il Liberalismo!
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
Categories: AttualitàPolitica

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Related Posts

Attualità

Se la giornata contro l’omofobia limita la libertà di pensiero

Signori non vorrei dirvelo, ma ve lo dico lo stesso: è appena passata la Giornata mondiale contro l’omofobia, la biofia e la transfobia, evento molto in voluto e promosso dall’Unione europea. Perché è il caso Read more…

Attualità

Basta un clic! L’ignoranza in cattedra (e al governo?)

Nei giorni scorsi, l’intero mondo dell’informazione e della finanza è stato investito da una bozza di programma del governo in procinto di nascere. Il punto che più ha fatto scaldare i mercati e che li Read more…

Attualità

Obiezione ai “genderfluid”, ossia chi non si considera né uomo né donna

Non mi si creda cattivo o insensibile, ma non capisco davvero per nulla il grande problema che i “liberals” hanno sollevato in America sul “Gender assuming”. Per chi non lo sapesse, alcune persone rifiutano di Read more…