fbpx

Il triangolo no: Belgio e Puigdemont stanno distruggendo l’UE

In Attualità

Si può parlare ancora di Unione Europea dopo la possibile concessione di asilo politico a Puigdemont?

Da anni uno dei principali cavalli di battaglia dei populisti europei è la disgregazione dell’Unione Europa, visto come uno dei mali assoluti. Talvolta si vuole rinunciare sia all’UE che all’Euro, moneta che sempre secondo il loro parere ha affossato le economie di molti paesi tranne la Germania.

Sembra piuttosto paradossale che a sconfiggere e a disgregare l’UE siano state forze diametralmente opposte al populismo. Da qualche giorno è in circolo la notizia del possibile asilo politico concesso dal Belgio al leader della Generalitat Catalana Carles Puigdemont.

Come se questo non bastasse, le parole del sedicente Presidente della Catalogna sono anche più gravi: “Non sono qui per fare politica, né per chiedere asilo politico. Sono qui come cittadino europeo“. Una dichiarazione inaccettabile: un uomo che viola la Costituzione del suo Paese, membro dell’UE, non può prendere e scapparsene in un altro paese e reclamare la propria libertà solo perché cittadino europeo.

Cosa che tra l’altro è tutta da definire. L’Unione Europea non riconosce l’indipendenza della Catalogna quindi delle due l’una: o ritiene che la Catalogna sia indipendente e pertanto Puigdemont sarebbe un cittadino extracomunitario oppure Puigdemont è comunitario in quanto la Catalogna è ancora nell’UE sotto la corona spagnola.

Provocazioni a parte, quello che rimane tristemente impresso è che l’Unione Europea oggi è tutto fuorché unita: come si può parlare di Unione nel momento in cui un cittadino considerato criminale da uno stato membro può girare liberamente dentro i confini della stessa unione? Quel cittadino andrebbe giustamente condannato e sanzionato tanto nello Stato dove il reato è stato commesso quanto nello Stato dove cerca riparo. La Spagna avrebbe tutte le ragioni del mondo per aprire un incidente diplomatico col Belgio, che porterebbe a un “processo” interno all’UE.

Bisogna purtroppo constatare, dunque, che il Belgio e Puigdemont hanno dato l’ultima coltellata all’Unione Europea, mostrando visibilmente tutti i suoi limiti. Un’Unione in cui non esiste un diritto comunitario né una documentazione comunitaria, è un’Unione fallimentare. Si può professare la libertà in certi ambiti – come la pena di morte negli USA, dove alcuni la applicano e altri no – ma non si può non avere nemmeno la stessa base giuridica permettendo a un ricercato di parlare liberamente in sala stampa.

Recommended Posts

Leave a Comment

Start typing and press Enter to search