Multinazionali? Lo stato italiano è il vero male

In Politica, Società

Stavo osservando un sondaggio, nel quale si chiedeva ad un campione di 1000 persone, “cosa bisognerebbe cambiare nell’attuale sistema capitalistico”? Ebbene, secondo queste mille persone, i principali responsabili sarebbero le banche e le multinazionali.

Ma vorrei chiedere a queste persone, ma lo sapevate che le banche e multinazionali non si trovano soltanto in italia? Aziende come la Nestlè, Mitsubishi, Google, McDonalds, Nike, Red Bull, Coca Cola, Auchan, Carrefour, L’Oreal, Walt Disney, Facebook, Barilla, Kraft, ecc ecc, non si trovano solo in Italia, ma anche negli altri paesi. Le banche, che siano speculative o meno, non ci sono soltanto in Italia, ma anche negli altri paesi.

Prenderò qualche nazione come esempio (le informazioni sono state raccolte dalla pagina web ufficiale dell’Indice di Libertà Economica)

Australia

Libertà Economica 5° posto
Quanto statalismo? L’aliquotà massima dell’imposta sul reddito delle persone fisiche è del 45° e l’aliquota dell’imposta sulle società piatta è del 30%. L’onere fiscale complessivo è pari al 27,8% del reddito nazionale totale. Negli ultimi tre anni, la spesa pubblica è stata pari al 36,0% della produzione totale (PIL) e il deficit di bilancio ha raggiunto una media del 2,8% del PIL. Il debito pubblico equivale al 41,1% del PIL.
Libertà d’Impresa? L’ambiente normativo australiano è uno dei più trasparenti ed efficienti al mondo e molto favorevole all’imprenditorialità. Nel 2016, la registrazione di un’azienda ha richiesto meno di tre giorni. Il mercato del lavoro è ben supportato dal codice dell’occupazione moderno e flessibile.
Ah dimenticavo, ecco le pagine australiane di multinazionali come Coca Cola, McDonalds e Nike.

Norvegia

Libertà Economica 23° posto
Quanto statalismo? L’aliquota massima dell’imposta sul reddito delle persone fisiche è del 47,8% e l’aliquota dell’imposta sulle società è del 25%.  L’onere fiscale complessivo è pari al 38,1 percento del reddito nazionale totale. Negli ultimi tre anni, la spesa pubblica è stata pari al 48,6% della produzione totale (PIL) e le eccedenze di bilancio hanno raggiunto una media del 5,7% del PIL. Il debito pubblico equivale al 33,2% del PIL.
Libertà d’Impresa? L’ambiente normativo per le imprese è trasparente e consente pratiche commerciali efficienti. La produttività è significativamente superiore alla media UE. Il mercato del lavoro manca di flessibilità. La stabilità monetaria è stata ben mantenuta.
Ah dimenticavo, ecco le pagine norvegesi di multinazionali come Barilla, Coca Cola e Bosch.

Svizzera

Libertà economica 4° posto
Quanto statalismo? La tassazione a livello cantonale è più gravosa della tassazione a livello federale. L’aliquota d’imposta federale più alta è dell’11,5 percento. L’aliquota dell’imposta federale sulle società è dell’8,5 percento. L’onere fiscale complessivo è pari al 27,9% del reddito nazionale totale. Negli ultimi tre anni, la spesa pubblica è stata pari al 34,0 per cento del prodotto totale (PIL) e il deficit di bilancio è stato pari in media allo 0,1 per cento del PIL. Il debito pubblico equivale al 45,4% del PIL.
Libertà d’Impresa? Il solido ambiente istituzionale della Svizzera, la bassa aliquota dell’imposta sulle società e la forza lavoro produttiva e multilingue ne fanno un luogo privilegiato per avviare e gestire un’impresa. I salari sono tra i più alti del mondo e la disoccupazione è bassa. La Svizzera ha pochi controlli sui prezzi, ma il governo ha la possibilità di intervenire se ritiene che vi siano prezzi monopolistici. I controlli sui prezzi e sui margini esistono per tutti i prodotti agricoli.
Ah dimenticavo, ecco le pagine svizzere di multinazionali come McDonalds, Philips, Sony.

Spagna

Libertà economica 60° posto
Quanto statalismo? L’aliquota massima sul reddito delle persone fisiche è stata ridotta al 45%. L’aliquota dell’imposta sulle società è stata ridotta al 25 percento. Altre tasse includono una tassa sul valore aggiunto. L’onere fiscale complessivo equivale al 33,8% del reddito nazionale totale. Negli ultimi tre anni, la spesa pubblica è stata pari al 43,7 per cento del prodotto totale (PIL) e il deficit di bilancio ha raggiunto una media del 5,3 per cento del PIL. Il debito pubblico equivale al 99,3% del PIL.
Libertà d’Impresa? Gli sforzi per migliorare l’ambiente imprenditoriale sono rimasti stagnanti negli ultimi anni poiché l’attenzione si è concentrata sulla stabilità fiscale. I costi del lavoro sono moderati in una certa misura ma sono ancora alti. I controlli sui prezzi sono quasi scomparsi in Spagna, tranne in alcuni settori, come l’assicurazione agricola, i francobolli, i trasporti pubblici e i medicinali.
Ah dimenticavo, ecco le pagine spagnole di multinazionali come Mapei, Henkel e Adidas.

Ecco l’Italia

Libertà economica 79° posto
Quanto statalismo? L’aliquota massima delle imposte sul reddito delle persone fisiche è del 43% e il tasso massimo delle imprese è del 27,5%. Le altre tasse includono le tasse sul valore aggiunto e sulle successioni. L’onere fiscale complessivo è pari al 43,3% del reddito nazionale totale. Negli ultimi tre anni, la spesa pubblica è stata pari al 50,3% della produzione totale (PIL) e il deficit di bilancio ha raggiunto una media del 2,7% del PIL. Il debito pubblico equivale al 132,6% del PIL.
Libertà d’Impresa? Sistemi legali e normativi lunghi e spesso incoerenti e burocrazia stratificata rendono più difficile l’attività imprenditoriale. La Commissione europea prevede che il tasso di disoccupazione italiano rimarrà a due cifre fino al 2020, sebbene la partecipazione alla forza lavoro sia migliorata. I critici sostengono che un ecosistema parassita pubblico-privato creato da una “mentalità di sussidio” genera l’inerzia da entrambe le parti.

Per mancanza di spazio, non è possibile proseguire con gli esempi fra le varie nazioni. Una cosa è certa, le multinazionali ci sono dappertutto e le grandi differenze economiche e di statalismo ci permette di notare come il vero problema sia lo Stato.

Non per nulla, abbiamo una spesa pubblica molto alta.
Non per nulla, la burocrazia ci penalizza.
Non per nulla, lo Stato è molto più costoso di altri paesi.

Articoli consigliati

Inizia a scrivere e premi Enter per cercare