fbpx

Nicolas Maduro l’uomo che ha definitivamente portato alla miseria e alla fame il Venezuela

In Attualità

Gli ultimi dati economici ufficiali Venezuelani risalgono al 2015, anno del collasso economico.

Il crollo economico del Venezuela ha inizio con la creazione di un’economia petrolio-centrica e tutto ha inizio nel 2013, anno in cui la produzione dell’oro nero cala del 17% e i prezzi del 55%. Gli introiti fiscali derivanti dal petrolio sono scesi del 70% tra il 2012 e il 2016 , tutto questo unito ad una finanza a dir poco ironica, in quanto il paese sudamericano non ha accantonato riserve per far fronte alla crisi economica, ma al contrario ha sestuplicato il debito pubblico, corroborando un disastro economico sociale che non ha pari nella storia del mondo.

Secondo alcune stime, il Pil solo nel 2017 è sceso del 40%.

Il reddito pro capite da petrolio  è passato da 4000 dollari annui a circa 1500, i salari da 250 $ a circa 36 per i  più fortunati, mentre i meno fortunati -circa il 90% della popolazione – vive con 3 mln di Bolivar al mese, circa 1$. A tutto questo si unisce un’inflazione del 40000% che presto raggiungerà il milione.

La politica allegra del  governo socialista ha ridotto il popolo alla fame, letteralmente.

I più fortunati rovistano tra i rifiuti, i meno fortunati  muoiono anche per mancanza di personale ospedaliero: in Venezuela non è rimasto un medico, e neanche le medicine.

Maduro ha imposto anche l’autarchia e, non avendo più materie prime, al crollo del petrolio si è unito il crollo della manifattura e dell’ agricoltura. Come se non bastasse milioni di persone sono emigrate nei paesi vicini in cerca di fortuna, un esodo biblico mai visto in sud america.

Il Venezuela è andato al voto il 20 maggio scorso e, come facilmente prevedibile, ha vinto Maduro con delle elezioni farsa: si poteva votare solo con la tessera annonaria, la stessa che serve per poter ricevere l’aiuto umanatario dello stato, e sotto la minaccia delle armi.

Nel frattempo gran parte del Paese di Simon Bolivar è controllato da bande armate narcos Hezbollah, nei cui centri prolifica il mercato nero.

Il 4 agosto  in occasione dell’81esimo anniversario della creazione della Guardia nazionale,   hanno attentato alla vita del dittatore sudamericano,  che è scampato all’attentato.

Nel Paese dilaniato dalla fame, dalla povertà e dalla crisi sociale,  dove le bande armate di Maduro arrestano, silenziano, torturano e uccidono cittadini e leader dell’opposizione, forse qualcuno ha provato a liberarsi del tiranno. Alcune fonti, invece, sostengono che fosse un attentato organizzato dallo stesso governo per avere il pretesto per aumentare i controlli e la presenza di militari.

Qualcuno disse  che alcune volte la bandiera della libertà va lavata nel sangue: è giunto il momento che il popolo venezuelano si liberi dalla tirannia e che l’occidente non resti a guardare.

Recent Posts

Inizia a scrivere e premi Enter per cercare