fbpx

Messaggini affettuosi a Weinstein: la farsa del porco trasformato in orco

In Attualità

Ammetto di godere selvaggiamente in questo momento. E pare che anche qualcun altro, in passato, abbia goduto a sufficienza. L’avvocato di Harvey Weinstein ha presentato in aula alcuni messaggi inviatigli dalla sua principale accusatrice di violenza sessuale. Alcuni dicono: “mi manchi omone mio”, “ spero di vederti appena possibile”, “apprezzo tutto quello che fai per me” e la ciliegina sulla torta è “ti amo sempre, solo mi dispiace essere una semplice distrazione occasionale”.

Nota per il lettore: i messaggi risalgono ad un periodo successivo alle eventuali violenze sessuali perpetrate e di cui la signorina si lamenta; la signorina risulta anonima nel processo, come molte altre sgallettate che, imitando Biancaneve, si sono svegliate vogliose di riscattare la propria dignità.

L’avvocato dell’ex produttore hollywoodiano ha chiesto l’assoluzione del suo assistito mentre il giudice era ancora a bocca aperta per le rivelazioni riportate. E insomma sono augelli per stitici, altrimenti detti cazzi amari, per l’intero mondo femminista che da mesi marcia sui cadaveri dei non-stupratori delle non-vittime preventivamente massacrati a livello globale. Altra nota: pure noi, dalle nostre italiche parti, abbiamo assistito ad uno scempio: è stata richiesta l’archiviazione per il regista Brizzi, dopo essere stato descritto come “predatore” dalla laccatrice di rottweiler Asia Argento.

E personalmente, per dirla alla Vittorio Feltri, ancora non mi capacito di come una persona possa schifarsi di un suo simile dopo aver limonato duramente con un cane bavoso. Ma, gusti a parte, è doveroso rilevare che l’ondata di puritanesimo sessuofobico si sta clamorosamente infrangendo contro il muro del buon senso e della libertà. Concetti, questi due, che non possono non andare a braccetto: difatti, negare la libertà degli individui, negarne la  capacità di autodeterminazione, è contrario al buon senso e all’esperienza comune. Cartesio riteneva il buon senso “la cosa meglio distribuita al mondo”, di cui ovviamente tutti ritengono essere provvisti. 

Detto ciò, cosa diavolo sta emergendo. Sta effettivamente emergendo che il movimento denominato MeToo, coi suoi cuginetti tipo Non una di meno, è consistito non nella riscossa delle donne violentate e sottomesse all’uomo predatore bensì nel ghigliottinaggio preventivo di soggetti realmente molestati dalle accuse infamanti dell’intellettualume politicamente corretto. Essendo poi questi folli momenti in cui basta sventolare la bandiera dei buoni sentimenti per veder eretta una statua in proprio onore, le strade sono piene di mezze tacche del pensiero che si dicono indignate per le peggiori idiozie.

Difatti il concetto di misoginia e di maltrattamento si è allargato e ha finito per comprendere qualsiasi cosa: Michela Murgia, che scrive sull’Espresso che vorrebbe sculacciare Marine Le Pen, ha ammorbato per settimane noi twittaroli con le prime pagine dei quotidiani italiani per denunciare la maggior presenza di firme maschili: nessuna accusa precisa, nessun nome fatto, nessuna riflessione sulla meritocrazia, alla femminista del 2018 basta un appiglio insignificante per ergersi a paladina della non-minoranza.

La realtà è che ciò che vorrebbe la Murgia e il codazzo di indignate a gettone non riguarda il maggior rispetto bensì la limitazione della libertà. In quale altro modo dovremmo definire l’obbligo per un imprenditore, in qualsiasi settore egli operi, di assumere un certo numero pre-determinato di donne? Verrebbe calata sulla testa del povero imprenditore una mannaia assurda che non tiene conto delle personalità e delle caratteristiche di tutti noi: quelle assunzioni devono essere comunque effettuate. 

Siccome anche col proprio corpo ognuno di noi può cercare di affermarsi nella società (i moralismi lasciamoli ai moralisti), allorquando una persona decide di concedere le proprie grazie ad un potente per ingraziarselo, buon senso vuole che vent’anni dopo non se ne dolga frignando di essere stata, a quel tempo, indotta se non obbligata. Siamo un paese libero – quantomeno sulla carta – e ad ogni persona è riconosciuta la libertà di vivere secondo principi propri senza dover subire ingerenze esterne. Laddove la propria strada conduca a prestarsi anche sessualmente ad altri, è impensabile sfilarsi la veste che volontariamente abbiamo indossato nel tentativo di riformare la propria coscienza. O, magari, nel tentativo di crearsi una nuova opportunità nel mondo dei moralisti d’accatto. 

E poi Weinstein, e con lui Brizzi e molti altri personaggi del cinema, è stato massacrato sin da subito senza rispettare minimamente le regole minime che renderebbero decente la convivenza coi consociati. Ma si può ammettere la pretesa delle sgallettate di veder sulla forca il presunto orco (pre-su-nto) ancor prima che egli abbia avuto la possibilità di difendersi? Si dicono difensori della dignità altrui ma non battono ciglio quando c’è da smazzolare sui media asserviti al regime pol. corr. le vittime sacrificali, ignare persone che pensavano di vivere in una fetta di mondo ove la libertà individuale è sempre e in qualunque caso tutelata.

La Argento, che pare non si sia ancora tolta dai piedi dall’Italia, furoreggiava in tivù e dall’amica Bianca Berlinguer: eravamo tutti complici del mostro Weinstein solo perché avanzavamo dubbi sulla sua versione dei fatti e sulla violenza con cui era stato investito il produttore di Hollywood. Oggi si è aperta una finestra di verità sui fatti allora accaduti, ma l’emorragia di dignità formatasi dopo questo periodo del terrore difficilmente potrà essere risanata. 

Sarebbe bello poterci interessare, in futuro, di tutti questi personaggetti non tanto per le leccatine ricevute ma per i meriti e le capacità personali. Probabilmente chiediamo troppo.

Articoli consigliati

Inizia a scrivere e premi Enter per cercare